Ferite

Silenziosa e incerta

sfoglio le pagine del mio corpo

nella penombra del tramonto

segni indelebili

ideogrammi della vita

narrano la mia storia

squarci antichi

il cui dolore

si scioglie

in un passato remoto

troppo lontano

per riuscire

ad agganciare

la memoria

piccole ombre lievi

quasi invisibili

sapientemente nascoste

raccontano prove e sofferenze

giovani

recenti

dolorose

le mie mani

accarezzano le pagine

si soffermano

ricordano

accolgono

accettano

il mio corpo

il mio cuore

la mia anima

in pace

finalmente.

Lascia un commento