La paura di attuare il cambiamento: soldati giapponesi e prigioni invisibili.

Sara ha un passato difficile, un’infanzia trascorsa con una madre severa e autoritaria e un padre assente. Sposata con un uomo che non ama da anni e con il quale non comunica quasi più, fatta eccezione per quelle “comunicazioni di servizio” che riguardano l’organizzazione dei compiti quotidiani e la gestione dei figli. – Ho acquisito molta consapevolezza riguardo ciò che desidero ma mi sento completamente … Continua a Leggere La paura di attuare il cambiamento: soldati giapponesi e prigioni invisibili.

Lo zoppo impara a camminare. L’abitudine alla paura.

Da ragazzo andavo spesso a camminare in montagna con mio padre. Una volta, probabilmente, avevamo esagerato con lo sforzo e i muscoli di una gamba mi hanno fatto male per alcuni giorni, costringendomi a zoppicare leggermente. Fin qui, nulla di straordinario. La cosa singolare, che ancora ricordo vivamente, fu che, passato il dolore, lo zoppicare era continuato per alcuni giorni: il mio corpo si era … Continua a Leggere Lo zoppo impara a camminare. L’abitudine alla paura.

Superare la paura del temporale.

‘Segui le mie dita con gli occhi’. Ok. E’ come seguire una partita di ping pong. Pare che l’oscillazione oculare attivi l‘area del mio cervello che presiede all’attività inconscia onirica e che ciò consenta di ricontattare e riscrivere eventi passati rimossi. Sarà… ma a me salgono solo immagini confuse e ben lontane dal tema della seduta -il mio terrore folle dei temporali-. Scommettiamo che con … Continua a Leggere Superare la paura del temporale.

Ansie e Paure. Inaspettate sorelle custodi.

Al gruppo, quella sera, mi mancava un po’ il fiato. Tensione palpabile e stanza affollata. Era successo di nuovo: ognuna di noi 7 si era portata a presso chi la sua ansia, chi la sua paura. Così eravamo diventate 14. Le nostre scomode ospiti erano grosse il doppio di noi. E borbottavano, parlavano, urlavano. Non c’è modo di liberarcene? Ne discutiamo. Forse sono qui a … Continua a Leggere Ansie e Paure. Inaspettate sorelle custodi.

Paura

Finalmente eccoti concreta presenza evanescente desiderio esperienziale approccio timido e incerto corteggiamento adolescenziale anni di inconsapevole convivenza forzata rimossa negata ignorata schivata relegata nel buio di un pianeta altro da me meccanismo di difesa distruttivo e deleterio sdoppiamento lacerazione pensiero azione mente corpo liberatorio pronunciarti salvifico riconoscerti rigenerante sperimentarti privilegio di maturità e consapevolezza ti vedo ti accetto ti accolgo Paura. Continua a Leggere Paura

Una vita sulla soglia: diffidenza e paura di vivere - Divenire Magazine

Una vita sulla soglia: diffidenza e paura di vivere.

“Mi rendo conto di quanto la mia costante diffidenza mi condizioni e mi limiti, ma sento che è una forza che faccio fatica a gestire e ad abbandonare. Molto spesso mi manca il coraggio di sollevare il velo della paura e affrontare la vita così come viene, con le situazioni positive e negative che si vengono a creare. Se dovessi descrivere con un’immagine quello che sento, rappresenterei un bambino affacciato ad una porta socchiusa che timidamente porta un piede in avanti e lo ritrae, così in continuazione. Davanti c’è un corridoio buio, fa paura, sul fondo si intravvede della luce, vorrebbe correrci attraverso e raggiungerla, ma non riesce….Lui si sforza, ce la mette tutta, si fa forza, ma la paura di affrontare l’ignoto e di conoscere tutto ciò che c’è fuori lo terrorizzano…. Forse non ha mai avuto il coraggio di farlo o, magari, quelle poche volte che ha cercato di affacciarsi alla porta, è rimasto scottato e la paura lo domina…. Che fatica…”. Continua a Leggere Una vita sulla soglia: diffidenza e paura di vivere.

Paura di vivere - Divenire Magazine

Paura di vivere.

Mi capita spesso di incontrare pazienti che mi fanno questa richiesta, che di solito portano uno stato di grande apatia, obnubilamento, confusione e paura. La prima cosa che mi viene da fare è rassicurarli rispetto al fatto che sono vivi e che i processi scorrono dentro il loro corpo anche se fanno fatica a sentirli perché nel tempo, per motivi ben precisi, si sono anestetizzati per difendersi dalla troppa paura di non riuscire a sopravvivere. Continua a Leggere Paura di vivere.

La vertigine non è paura di cadere - Divenire Magazine

La vertigine non è paura di cadere.

“Oggi non ho nulla da dire. Ho passato una settimana decente, niente di speciale senza alti ne’ bassi. Il lavoro che abbiamo fatto nell’ultima seduta sul respiro è stato molto utile, sono stato molto meno ansioso del solito”. “Bene Franco, che ne dici di proseguire su questa strada? Ti propongo di metterti comodo. Appoggia la testa sul cuscino, metti una mano sulla pancia e una sul torace ed inizia ad ascoltare l’onda del tuo respiro. Rilassa la mandibola e lascia uscire l’aria dalla bocca se puoi. Cosa noti?” “Vedo un precipizio. Guardo il vuoto e sento che il mio cuore batte molto forte. Mi sento in ansia”. Continua a Leggere La vertigine non è paura di cadere.