La danza. Rendere il conflitto dinamico e creativo nella coppia.

A e B si rivolgono a me per un problema nella loro relazione. Non vanno più d’accordo, litigano su tutto, semplicemente non si sopportano più. Sono, almeno superficialmente, in continuo contrasto. Se li rappresentassimo con due frecce, sarebbero questo: → ← Una situazione del genere è statica, stabile. Il conflitto, paradossalmente, genera stasi, immobilità. A volte il conflitto è modo di mantenere questa stasi: litigare … Continua a Leggere La danza. Rendere il conflitto dinamico e creativo nella coppia.

Rancore e desiderio di vendetta. Come uscire da questo circolo vizioso?

Dato che tutti i posti erano già occupati, ci siamo seduti Dalla parte del torto. Bertold Brecht Francesco arriva al gruppo con un viso grigio e si siede con un atteggiamento di forte distacco. “Francesco”, dice Rosanna un membro del gruppo di psicoterapia, “sembri arrivare dalla terapia intensiva. Sembri in stato di shock”. “Per certi versi è così”, risponde Francesco, “sto davvero male. Non dormo … Continua a Leggere Rancore e desiderio di vendetta. Come uscire da questo circolo vizioso?

Ricordati che devi morire. Perché dovremmo parlare di morte in terapia e frequentare più spesso i cimiteri.

L’idea della morte Può salvarci   I.D. Yalom   Festività religiose imminenti a parte, frequentare il cimitero può rappresentare una buona prescrizione, in terapia. Il senso di andarci, non è quello di andare a trovare i propri cari, come si usa (il che non vuol dire che non faccia bene, tutt’altro!), ma di andare a trovare noi stessi immaginando di essere morti. “Se nel giro … Continua a Leggere Ricordati che devi morire. Perché dovremmo parlare di morte in terapia e frequentare più spesso i cimiteri.

Tornare a fidarsi dopo un doloroso trauma

Il contatto è una distanza abitabile.   Sergio Mezzei “Oggi sto tanto bene, e non avevo voglia di venire”, dice Maria togliendosi le scarpe e incrociando le gambe sul divano. “Bene!”, le dico sorridendo, “e da cosa lo capisci che stai tanto bene?”, le domando. “Che le cose mi scivolano addosso, è tutto più fluido. Ho la sensazione che le situazioni siano più delineate, che … Continua a Leggere Tornare a fidarsi dopo un doloroso trauma

Sogni: immagini dal profondo. Regali dell’anima.

sogni sono come le conchiglie che il mare ha depositato sulla riva. Bisogna raccoglierle e ascoltare la loro voce.   R. Battaglia. Torno dalle vacanze dopo un mese di interruzione del percorso terapeutico con i pazienti. “Come sono andati i sogni?” chiedo verso la metà del colloquio dopo un’introduzione che Mattia mi fa sulle sue vacanze estive e sugli ultimi avvenimenti che desiderava condividere con … Continua a Leggere Sogni: immagini dal profondo. Regali dell’anima.

Sentirsi…bene: il senso delle classi di esercizi di bioenergetica.

1. sentire Una classe di esercizi di bioenergetica è innanzitutto un momento da dedicare a se stessi e al proprio benessere. Un regalo non scontato da fare a noi stessi e al nostro corpo, un’oasi dall’ottica del fare e dell’apparire. Un conduttore guida un gruppo di persone nell’esecuzione di alcuni esercizi volti a sciogliere e rilassare le tensioni muscolari. Oltre a questo, gli obiettivi degli … Continua a Leggere Sentirsi…bene: il senso delle classi di esercizi di bioenergetica.

Quando il corpo si congela per “sopravvivere” a un pericolo

“Dottoressa, non riesco proprio a capacitarmi, una cosa del genere non mi è mai successa, me ne vergogno moltissimo”. Michele mi racconta che, mentre lui e la sua collega passeggiavano tranquillamente in un parco durante la pausa pranzo, un cane, senza apparente motivo, li ha aggrediti. Michele ha da sempre paura dei cani, e in quel frangente, terrorizzato, si è paralizzato, non riuscendo a reagire. … Continua a Leggere Quando il corpo si congela per “sopravvivere” a un pericolo

Il cantiere della psicoterapia e i peggioramenti necessari.

Quando affermiamo la nostra integrità L’altro riceve un messaggio chiaro, sa dove siamo e può fidarsi di noi. Krishnananda “Non si direbbe che sei una psicologa, anzi, a me sembra che sei una abituata ai cantieri!”, così si complimenta Gianmario, il muratore che ha lavorato al cantiere della nuova succursale del Divenire. “In effetti è proprio così”, rispondo, “fare la psicoterapeuta è un po’ come … Continua a Leggere Il cantiere della psicoterapia e i peggioramenti necessari.

In che senso? Dialogo semiserio e seminventato

A volte penso se tutto questo ha un senso… In che senso? Nel senso, questo: la vita. La vita ha un senso? Dicevo, in che senso “penso”? Nel senso che ci penso, spesso, al senso. Ah. Davvero? Certo! Ma non ha senso… Cosa? La vita? Vivere? Ma no, pensare al senso. In che senso? Nel senso che se ci pensi, non arrivi al senso della … Continua a Leggere In che senso? Dialogo semiserio e seminventato

The Sound of Silence. Il dialogo tra me e il mio corpo.

Quando spiego in cosa consiste l’analisi bioenergetica, parto dal concetto fondamentale dell’unità mente – corpo: tutto quello che accade nella mente ha un risvolto sul corpo e viceversa. Noto subito lo sguardo curioso del mio interlocutore, che spesso mi chiede cosa abbia a che fare il corpo con la psicoterapia. Indagando, scopro che l’immagine più diffusa della psicoterapia è simile a quella rappresentata nei film … Continua a Leggere The Sound of Silence. Il dialogo tra me e il mio corpo.