matthew-henry-130381-unsplash

Perché nessuno mi vuole?

TEMPO DI LETTURA: 1 MINUTO

Durante una classe di Soul Motion succede che ci si muove liberamente da soli e insieme agli altri. La musica riempie lo spazio, le parole sono quelle del corpo.

Alla fine di una lezione una donna, che è rimasta tutta la sera nello stesso punto della sala, mi si avvicina dicendomi:

  • Ho visto molte persone che interagivano fra di loro, che si avvicinavano, avevano contatti, ma a me nessuno si è avvicinato mai, nemmeno una volta, nemmeno di sfuggita. Cosa c’è di sbagliato in me? Perché nessuno mi vuole?

Da fuori, osservando, era facile capire che quella signora energeticamente aveva difese e protezioni e muri così alti che nessuno avrebbe potuto avvinarsi. Ma il mio compito non è dirle quello che vedo, ma invitarla a osservare quello che le succede, invitarla a prendere consapevolezza dei segnali che manda nel mondo invece che soffermarsi su quello che gli altri fanno o non fanno.
Poi le ho chiesto.

  • E lei, si è avvicinata a qualcuno in queste due ore?

La risposta ovviamente la conoscevo, ma lei non se l’era nemmeno posta tanto era concentrata sugli altri invece che su di sé.
Spesso quello che notiamo fuori di noi è qualcosa che si muove dentro di noi.
La distanza che vedeva e di cui soffriva era prima di tutto dentro di lei.
L’ha vista, l’ha ballata, ha mosso il corpo e piano piano, nelle classi successive ha esplorato qualche vicinanza, qualche contatto e ha preso consapevolezza che quel: ‘perché nessuno mi vuole’ Non era la domanda giusta.

 

Copyright image: Matthew Henry – Unsplash

Lascia un commento

2 commenti in “Perché nessuno mi vuole?

  1. Per anni mi sono fatta la stessa domanda: perche’ ‘gli altri’ temono nell’avvicinarsi a me? Comprendevo che il mio disagio interiore era forte ma non riuscivo a modoficare il mio atteggiamneto verso ‘l’esterno’ poiche’ i limiti,le condizioni pregresse vissute , le sofferenze erano tante e senza quai rendermene conto mi stavo avvolgendo di scudi e maschere per proteggermi dalla mia innegabile fragilita’… poi , un giorno la decisione di perseguire un percorso con un ottima azienda di formazione padovana (Gruemp) da qui in poi e’ stato come rinascere , una presa di coscienza e di consapevolezza su cio’ che era stato il mio vissuto , le mie abitudini e quindi il desiderio di rompere quegli schemi per poter vivere piu’ libera ed autentica!

  2. The understanding of myself.
    The awareness of the space around me.
    The perception of my condition being in that space.
    This makes me get to know if
    the longings
    the expectations
    the preferences
    I gather in my attitude.
    If I come the point to realize that,
    I can choose to step into the space inbetween.
    This is the space where everything is showing up
    that wants to be considered.
    Yes, Marça, in the dance, the conscious dance practive, as Soul Motion is, with the body language, it is manifesting unconditionally clear.
    Thank you for sharing.
    Your Dancing Soul Bros, Martín___