Non si può mai sapere

TEMPO DI LETTURA: 1 MINUTO

Se entri in terapia che hai capelli lunghi e lisci, può accadere che ne esci con una zazzera riccia.

Se inizi con un viso da martire, lungo e tirato anche quando sorridi, può essere che ne esci con un viso tondo e sorridente anche quando non sorridi.

Se la prima volta che siedi sulla poltroncina ti angoscia sapere se il tuo sedere ci starà tutto, alla fine potresti rilevare quanto sia bello avere sedere nella vita.

Se ci entri che non ti si fila nessuno da un tempo ragionevolmente allarmante, potresti dover ricorrere a transenne per disciplinare la coda di pretendenti.

Se entri con un’inossidabile collezione di convinzioni sul tuo conto, può essere che alla fine non sai più nemmeno chi sei, ma ti stai terribilmente simpatico.

Inutile. Niente resta come è.

Tutto diviene.

Nessun pronostico.

Astenersi ansiosi.

Lascia un commento