In che senso? Dialogo semiserio e seminventato

TEMPO DI LETTURA: 1 MINUTO

A volte penso se tutto questo ha un senso…

In che senso?

Nel senso, questo: la vita. La vita ha un senso?

Dicevo, in che senso “penso”?

Nel senso che ci penso, spesso, al senso.

Ah. Davvero?

Certo!

Ma non ha senso…

Cosa? La vita? Vivere?

Ma no, pensare al senso.

In che senso?

Nel senso che se ci pensi, non arrivi al senso della vita, al massimo al suo penso. Quindi: la vita ha un penso?

Che peso…

Esatto! Pensare significa, alla lettera, pesare. Sicuramente la vita ha un peso, direttamente legato alla sua gravità.

Ma il senso…

Il senso non lo pensi, lo senti. Comprendi?

Non penso…

Bene, la strada è quella giusta. E, a proposito di strada, come dovrebbe essere la vita: a senso unico? Alternato? O ci vedi un doppio senso, magari spiritoso, magari pungente?

Aspetta… mi sono perso…

Ottimo, immagina di essere in un territorio sconosciuto (la vita?), perso. Il pensiero, la testa, può darti la mappa, ma il sentire, il cuore, quello è la bussola, e ti dà il senso, la direzione.

Ok, ma non mi hai risposto…

Perché non c’è una risposta. Qual è il senso della vita? La sua direzione, la sua via: il movimento, crescere, divenire.